/ non solo cocktail

Come veniva riconosciuto il grado alcolico di un distillato tanto ma tanto tempo fa?

Come veniva riconosciuto il grado alcolico di un distillato tanto ma tanto tempo fa?

La misurazione PROOF

Esisteva una interessante misurazione all’epoca, si parla del 1700, usata per calcolare la gradazione alcolica del rum che veniva servito ai marinai delle flotte navali.

Quale?

L’alcol veniva testato, o provato (=proof in inglese), innaffiando il liquore con una manciata di polvere da sparo!

Che accadeva?

Se la polvere si accendeva, allora era segnale che l’alcol era pari almeno a 100 proof. Se non si accendeva era inferiore a 100 proof, chiamato quindi “under proof”, dunque in conclusione alcol diluito.

100 proof erano uguali a 57,15% gradi alcolici

La polvere da sparo non bruciava nel rum (alcool di scelta all’epoca) con meno del 57,17% di alcol in volume. Il rum con questa percentuale di alcol fu definito come un proof di 100 gradi, ma oggi un proof di 100 gradi significa che la percentuale di alcool è del 50%. Il test della polvere da sparo fu ufficialmente sostituito da un test di gravità specifica nel 1816.

Capito che razza di giochetto usavano per misurare la gradazione alcolica dei distillati. Forte no?

Come si arriva poi alle misurazioni odierne?

Fu Gay-Lussac che sviluppò un preciso metodo di misurazione alcolica, che nei primi dell’800 inventò la tabella alcolometrica. Questa tabella misura il titolo alcolometrico ad una data temperatura.

Sul principio di funzionamento della tabella alcolometrica, il chimico e fisico francese Joseph Louis Gay-Lussac (1778-1850) inventò l’alcolometro, che viene utilizzato per misurare la percentuale di alcol contenuta in una soluzione liquida, fornendo la lettura diretta del contenuto di alcol per 100 ml di liquido.

Gay Lussac

Si sono usati e si usano vari strumenti di misurazione: si conservano i proof, si adoperano anche i gradi di Gay-Lussac e la tabella alcolometrica.

Ad oggi però, a seconda del paese in cui risiedi, vedrai due sistemi principali per misurare la gradazione alcolica delle bevande.

  • Negli Stati Uniti la gradazione alcolica è misurata in cosiddetti “proof” di alcool, che è il doppio della percentuale di alcol in volume (ABV)
  • In Europa si usa il sistema di misura in volume (ABV) o alc/vol

credit #laragazzachebeve

Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultimi articoli...

December 2021
Dal riso al bicchiere, ma come viene prodotto il sake?

Il sake è un fermentato che viene prodotto con riso, acqua, koji, un fungo che trasforma l’amido del riso in zucchero, e lieviti.

December 2021
I 10 «classic» cocktail più amati

La The World's Best-Selling Classic Cocktails è insindacabile: se Old Fashioned, Negroni e Daiquiri restano in vetta, avanzano nuove idee al bancone. Eccole.

December 2021
5 cocktail perfetti per le feste natalizie!

Oltre lo spumante, oltre lo champagne, oltre il Porto, lo Strega e tutti gli altri alcolici e spiriti tradizionali per questo Natale vi consigliamo 6 cocktail d’autore dalla preparazione semplice e dagli ingredienti (un po’) ricercati.

Categorie
Chiacchiere da Bar
Appunti e Curiosità
Trova lavoro