/ Chiacchiere da bar

Trend 2021: distillati a zero gradi e cocktail low alcol.

Trend 2021: distillati a zero gradi e cocktail low alcol.

Il Mocktail, ovvero drink analcolici o dal contenuto grado alcolico zero, sembra candidarsi a protagonista del bere miscelato dei prossimi anni. I segnali ci sono tutti: la rivalutazione qualitativa del drink a zero gradi - non più un semplice succo di frutta “macchiato” di sciroppo di granatina - e il conseguente aumento di questo tipo di bevande nelle liste dei bar. Infine le aziende che hanno recepito il trend di consumo in atto e hanno iniziato a rispondere con nuovi prodotti.

L’effetto Covid sul “bere leggero”

È infatti recente il lancio da parte di Diageo, uno dei colossi del settore spirits, di una versione analcolica del celebre Gordon's gin. Stesse botaniche del fratello alcolico, ma immersione in semplice acqua e distillazione successiva. E un altro big player come Bacardi, che ha in portafoglio anche marchi storici italiani come Martini, ha annunciato una previsione di crescita per il segmento “low alcol” del 400% entro il 2024 per un valore in dollari che raggiungerebbe i 500 milioni.

Per Bacardi, la previsione è motivata da un'impennata di ricerche di cocktail analcolici o moderatamente alcolici e da un cambiamento delle abitudini tra i consumatori causa lockdown imposti dal Covid-19. Si sta più in casa, si beve prima e si cerca di bere qualcosa di gratificante ma meno impegnativo.In realtà il trend è in atto da qualche anno, anche se in maniera meno visibile, tra i barman italiani più quotati.

E'  case history italiana di successo anche quella di MeMento, nato da Eugenio Muraro nel 2017 come progetto di lavoro a conclusione di un master al Politecnico di Milano e trasformatasi in una start up. All'estero e già sbarcati nel nostro Paese non mancano altri esempi eclatanti: dall'inglese Seedlip ( Foto in copertina ) azienda fondata nel 2014 e acquisita da Diageo nel 2019, all'australiana Lyre's Spirits che di prodotti a zero gradi alcolici ne produce diversi: dallo “spirito di canna bianca” al “Dry London Spirit” che ha tutte le caratteristiche del gin a parte, per l'appunto, il tenore alcolico. Per finire con l'Apéritif Rosso, al quale basta aggiungere acqua tonica per ottenere un Americano analcolico, o addirittura il Dry January, di fresco debutto sul mercato e dedicato alla consolidata tradizione anglosassone di rispettare per un mese all'anno, gennaio appunto, l'astinenza dall'alcol. Un'abitudine che si sta allargando anche oltre i confini britannici e che, anch'essa, torna utile alla crescita dei distillati analcolici e dei mocktail.

salute!

#thk sole 24

Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultime chiacchiere...

December 2021
Estratti e centrifughe: differenze tra le due preparazioni.

Spesso confuse per la stessa bevanda o scelte solo in base al gusto, non riusciamo mai davvero a comprendere le differenze tra una centrifuga e un estratto. Scopriamo come si preparano, come si differenziano e se siano da preferire rispetto alla frutta fresca gustata in purezza.

December 2021
Le 6 cose che non sappiamo o pensiamo di sapere sul decaffeinato

Ci sono ancora molte cose che non sappiamo di questo prodotto, alcuni miti da sfatare ed errate credenze e convinzioni.

December 2021
Come si serve il sake? Prima parte.
Categorie
Non solo cocktail
Appunti e curiosità
Trova lavoro