/ Chiacchiere da bar

Come riconoscere un caffè di buona qualità.

Come riconoscere un caffè di buona qualità.

Varietà, miscela, tostatura…tante sono le parole che ci vengono in mente e ci confondono nel momento in cui acquistiamo o degustiamo un caffè.

Scegliere il caffè giusto quando ti trovi al supermercato non è semplice: tra mille informazioni spesso finisci per farti guidare nella decisione soltanto dal marchio. Ma imparare a riconoscere un ottimo caffè di qualità è possibile. Basta sapere quali sono i criteri che ti devono guidare nel giudizio e ricordare che per farlo al meglio è opportuno esaminare solo caffè amaro.

Ecco allora i 5 criteri da prendere in considerazione nella valutazione del caffè:

  • tostatura
  • crema
  • profumo
  • gusto
  • retrogusto

La tostatura

La prima cosa da valutare nella scelta del caffè è la tostatura: se stai scegliendo una miscela in grani, puoi analizzare la grandezza dei chicchi innanzitutto. I chicchi più pregiati sono in genere quelli con diametro maggiore (“crivello”, in termini tecnici). Puoi anche esaminare ad occhio la percentuale di chicchi di arabica, la specie di maggior valore. La loro forma, infatti, allungata e con solco ondulato, differisce da quella dei chicchi di varietà robusta, più rotondi e con solco dritto. La gradazione della tostatura, infine, non deve essere né troppo scura né troppo chiara.

La crema

La crema di un buon caffè deve avere una trama omogenea e sottile, deve essere consistente e persistente, con uno spessore di qualche millimetro, di colore bruno medio-scuro.

Il profumo

Che si tratti di un classico caffè preparato con la moka o di un più moderno espresso, il profumo è la prima caratteristica che colpisce i sensi. Ciò che si valuta per riconoscere un caffè di qualità è l’intensità del suo profumo e la sua complessità. Un po’ come succede per il bouquet del vino o per la piramide di un profumo, è importante che le note olfattive siano varie e complesse, che si armonizzino bene tra loro dando una sensazione di rotondità ed eleganza. Valutare gli aromi del caffè non è semplice, ma con l’abitudine si riescono a individuare le sfumature della tostatura, che possono rievocare la frutta secca e il pane, il caramello, i legni di cedro o di sandalo, il tabacco, le spezie, il cioccolato, la vaniglia, gli agrumi, i fiori, i frutti.

Il gusto

All’assaggio ci si deve concentrare sulla densità del liquido e sulle note percepite dalla lingua. È importante verificare un buon equilibrio tra l’amaro, sempre presente perché dovuto alla tostatura, l’acido e il dolce. Una buona presenza di arabica conferisce al caffè una certa acidità, mentre una maggiore presenza di robusta dona al caffè una nota “cioccolatosa”.

Il retrogusto

Ultimo criterio per riconoscere la qualità di un buon caffè: il retrogusto che ci regala deve essere gradevole, rotondo e morbido, con punte di acidità fruttata.

Ci vediamo in aula durante i nostri corsi di formazione professionale in partenza da Gennaio 2024!

Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultime chiacchiere...

February 2024
Mocktail, un nuovo modo per bere non alcol!

I mocktail sono miscelazioni originali e prive di alcol frutto dell'estro e della creatività del barman.

January 2024
Come scrivere un menù per il bar: alcuni consigli.

Il menu non comunica solo prezzi, ma fa capire a chi si siede al vostro tavolo quanto valore ha ciò che gli avete servito.

December 2023
I migliori libri sui cocktail, aggiornato al 2023.

I migliori libri sui cocktail, aggiornato al 2023.

Categorie
Non solo cocktail
Appunti e curiosità
Trova lavoro