/ Chiacchiere da bar

Bitters, l'amara felicità

Bitters, l'amara felicità
bitters-bottles

Prendi la bottiglietta e agitala con maschia mano (anche se sei femmina): serve a sprigionare i profumi. Poi, lascia cadere qualche goccia, due o tre, nella tua bibita diletta. Un Gin tonic, un Negroni, quel che vuoi. Addirittura un’aranciata, se proprio non c’e’ altro: la magia funziona con tutto. Una mescolatina… assaggia e fai assaggiare. Sorpresa. Meraviglia. Il più scontato dei beveroni, grazie al filtro magico, si e’ trasfigurato. Anzi, e’ diventato Altro. Sapori nuovi, nuova complessità.Eppure, niente da fare: da noi, gli aromatic bitters non riescono a farsi riconoscere. Nemmeno oggi, mentre in mezzo mondo vivono il loro Rinascimento. Il più famoso è l’Angostura. Certo, l’etichetta che deborda dal flaconcino la conoscono tutti. La si vede spesso anche nei bar meno civili: la bottiglietta hobbit è là dietro, a impolverarsi sullo scaffale, seminascosta dalle sorelle maggiori. Che Tristezza. Si sa: le sostanze piu’ odiate dai medici spesso sono state inventate da un medico.

angostura-250x338

L’Angostura nacque da un dottore prussiano che, per chissà quali strade, dopo aver partecipato a Waterloo, era stato assunto da Simon Bolivar. Lui, di nome Johann Siegert, l’inventò nel 1824 per curare i mal di ventre della truppa, il nome veniva dalla città venezuelana in cui era di stanza. Oggi, è oggi Ciudad Bolivar. Come medicamento, non sappiamo dire l’efficacia. Ma l’Angostura piacque, e tanto. Se ne fecero apostoli gli inglesi. La Royal Navy diffuse l’amaro in tutto l’Impero attraverso una bibita britannica quanto Sua Graziosa Maesta’: il Pink gin. Ghiacciatissimo Plymouth gin, scorzetta di limone e qualche goccia dell’intruglio. Tutto qui. Ma il successo fu enorme. Per farla breve: fu uno dei cocktail della seconda meta’ del secolo, e oltre. Anche perché  l’amaro del dottor Siegert nel frattempo era diventato l’ingrediente indispensabile di alcuni grandi classici, Manhattan e Old fashioned davanti agli altri.

peychaud_bitters-250x250

Eppure, fermarsi all’Angostura e’ peccato grave. Perche’ altri filtri magici sono quelli prodotti in vasta gamma dai Fee Brother. Oppure il delicato bitter di Peychaud’s, dall’aroma retrò, che è di diritto nella storia di cocktail. Tra l’altro, dicono che la parola cocktail sia stata inventata a New Orleans proprio dal farmacista criollo Antoine Peychaud, che serviva una mistura di cognac (più tardi brandy) e del suo elisir in un coquetier (portauovo). La storia certamente non e’ vera, ma non poterci credere spiace. E comunque la mistura di Peychaud, che poi prese il nome di Sazerac, secondo molti resta il primo cocktail americano documentato.

whisky-barrel-250x343

Ma la menzione d’onore spetta a The bitter truth. Gli altri produttori sono tutti oltreoceano, l’Amara verita’ nasce in Germania. Gli altri sventolano blasoni di 150 anni, loro nascono nel 2006. Eppure già dispongono una gamma di prodotti e sapori tra le più vaste. Herr Stephan Berg e herr Alexander Hauck vengono da Monaco e la rinascita dei bitter e’ davvero anche merito loro: sono pionieri della filosofia che esige che i bartender si autoproducano i loro aromatici. L’intento dei due bavaresi e’ quasi filologico: fornire i bitter necessari per miscelare antichi cocktail altrimenti irrealizzabili.

Grazie di cuore anche a loro.   Salute!!

Bitter-Truth-line-up
Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultime chiacchiere...

May 2022
Il ricettario dei cocktail I.B.A.

𝐈𝐋 𝐑𝐈𝐂𝐄𝐓𝐓𝐀𝐑𝐈𝐎 𝐃𝐄𝐈 𝐂𝐎𝐂𝐊𝐓𝐀𝐈𝐋 𝐌𝐎𝐍𝐃𝐈𝐀𝐋𝐈 𝐈.𝐁.𝐀.

March 2022
Cappuccino, Latte o Flat White? Vi spieghiamo le differenze.

Cappuccino, Latte o Flat White? Vi spieghiamo le differenze.

February 2022
Come nasce e come si fa il Cognac

Il Cognac è, insieme all’Armagnac, il distillato di vino più famoso al mondo.

Categorie
Non solo cocktail
Appunti e curiosità
Trova lavoro