/ non solo cocktail

Dry Martini

Dry Martini

Gin e vermouth secco e il cocktail DryMartini è pronto: un aperitivo ricco di stile conosciuto in tutto il mondo. La ricetta è veloce e molto facile da realizzare. Da servire con delle olive o delle scorzette di limone. Ecco come preparare a casa il Dry Martini, con le dritte di un barman professionista. ​

Vi raccontiamo cosa c'è da sapere su questo cocktail pronto in 5-10 minuti, da servire come aperitivo: il bicchiere da usare, gli ingredienti giusti, la tecnica applicata, qualche accortezza e curiosità.

Come per il Manhattan, per preparare il Dry Martini riempite il vostro mixing glass con del ghiaccio così da raffreddare le pareti del bicchiere. Questo cocktail va servito in una coppa ben ghiacciata: mettete quindi il bicchiere in freezer finché si ghiaccia. Bastano 5 minuti.

 La tecnica usata si chiama Stir & Strain: il cocktail è mescolato nel mixing glass con ghiaccio, e poi filtrato nel bicchiere raffreddato.

Per il Martini utilizziamo : 6cl di London Dry Gin, 1cl Di Vermouth Dry, scorza di Limone e olive verdi.

Si serve nella coppa ribattezzata poi coppa Martini: famoso bicchiere dalla forma conica rovesciata, la stessa coppa usata per il Daiquiri, il Margarita e il Manhattan.

Solitamente si accompagna con delle olive, consigliamo quelle Nocellara del Belice perchè molto carnose e con un buon bilanciamento in termini di dolcezza, sapidità e acidità. Volendo le olive possono essere bagnate nel vermouth. Un'altra alternativa possibile per gustare il Dry Martini è accompagnarlo con una o più scorze di limone

Sull'origine del Dry Martini ci sono diverse versioni: il creatore sarebbe l'italiano Martini di Arma di Taggia (in Liguria), che servì per primo il drink nel 1910 a New York, presso il Knickerbocker Hotel in onore di John D. Rockefeller. Altre correnti sostengono che il drink fu servito ancora prima, intorno alla fine del 1800 negli Usa, nella città californiana di Martinez, oppure a New Orleans dal barman Martinez.

credit e ringraziamo : www.cucchiaio.it

Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultimi articoli...

December 2021
Dal riso al bicchiere, ma come viene prodotto il sake?

Il sake è un fermentato che viene prodotto con riso, acqua, koji, un fungo che trasforma l’amido del riso in zucchero, e lieviti.

December 2021
I 10 «classic» cocktail più amati

La The World's Best-Selling Classic Cocktails è insindacabile: se Old Fashioned, Negroni e Daiquiri restano in vetta, avanzano nuove idee al bancone. Eccole.

December 2021
5 cocktail perfetti per le feste natalizie!

Oltre lo spumante, oltre lo champagne, oltre il Porto, lo Strega e tutti gli altri alcolici e spiriti tradizionali per questo Natale vi consigliamo 6 cocktail d’autore dalla preparazione semplice e dagli ingredienti (un po’) ricercati.

Categorie
Chiacchiere da Bar
Appunti e Curiosità
Trova lavoro