/ Chiacchiere da bar

L’incredibile storia della bottiglia di whisky messa all’asta dopo 80 anni in fondo al mare.

L’incredibile storia della bottiglia di whisky messa all’asta dopo 80 anni in fondo al mare.

L’ultima offerta ricevuta per la bottiglia è stata di 6.655 euro: una cifra piuttosto elevata, soprattutto se si considera che chi se la aggiudicherà non potrà assaporare nemmeno una goccia di questo whisky.

Nel febbraio 1941, una nave mercantile britannica, la SS Politician, naufragò al largo della costa di Eriskay, una delle isole delle Ebridi Esterne della Scozia. A bordo si trovavano merci che andavano dal cotone ai biscotti, destinate a potenziali clienti in Giamaica e a New Orleans. Tuttavia, se c’era un articolo veramente di rilievo nelle stive, queste erano 264.000 bottiglie di whisky. La gente del posto recuperò il possibile dalla nave, ma lo scafo esplose affondando in fondo al mare. Di quelle 264.000 bottiglie ne è rimasta soltanto una, trovata nel 1987 dal sommozzatore professionista George Currie.

L’ultima offerta ricevuta per la bottiglia è stata di 6.655 euro: una cifra piuttosto elevata, soprattutto se si considera che chi se la aggiudicherà non potrà assaporare nemmeno una goccia di questo whisky, poiché la stessa casa d’aste ha avvertito che “non è adatto al consumo umano”. L’acquirente insieme alla bottiglia porterà a casa anche un casco subacqueo e alcuni mattoni dalla nave affondata.

Secondo un articolo di Scotch Whiskey Magazine, riprodotto da Atlas Obscura, ci furono persone che hanno viaggiato per quasi 200 chilometri, dalla lontana isola di Lewis, per recuperare alcune bottiglie dal relitto.

Quando la SS Politician affondò erano tempi di guerra ed era in vigore il razionamento Le autorità britanniche non erano molto contente di questa situazione, avendo perso una nave e i proventi dei dazi sulle merci a bordo, per questo motivo mandarono personale militare nei villaggi per trovare tutto ciò che la gente aveva recuperato dal naufragio.

L’evento fece così scalpore in Inghilterra che ne fu ricavato un libro nel 1947: il titolo era Whisky Galore, arrivò poi al cinema nel 1949 e ne fu realizzato un remake nel 2016. Ecco perché la vendita di questa bottiglia è diventata così importante in Scozia, tutti lì conoscono infatti la storia di Whisky Galore e molti sono convinti che ci siano ancora altre bottiglie nascoste. Lo stesso anno in cui George Currie trovò la bottiglia, un altro subacqueo ne trovò altre 8 che alla fine vendette per 11.875 euro.

Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultime chiacchiere...

December 2021
Estratti e centrifughe: differenze tra le due preparazioni.

Spesso confuse per la stessa bevanda o scelte solo in base al gusto, non riusciamo mai davvero a comprendere le differenze tra una centrifuga e un estratto. Scopriamo come si preparano, come si differenziano e se siano da preferire rispetto alla frutta fresca gustata in purezza.

December 2021
Le 6 cose che non sappiamo o pensiamo di sapere sul decaffeinato

Ci sono ancora molte cose che non sappiamo di questo prodotto, alcuni miti da sfatare ed errate credenze e convinzioni.

December 2021
Come si serve il sake? Prima parte.
Categorie
Non solo cocktail
Appunti e curiosità
Trova lavoro