/ Appunti e curiosità

Un po di storia : il Boulevardier

Un po di storia : il Boulevardier

Il cocktail pare sia stato inventato da Harry mc Elhone, uno dei più grandi barman che la storia ricordi, per Erskine Gwynne all’Harry’s bar di Parigi. Il cocktail venne poi scritto e consegnato alla storia dal libro “Barflies and Cocktail” edito nel 1927. Come Harry, barman americano espatriato durante il proibizionismo in Europa, anche Erskine, scrittore americano espatriato, si trovava a Parigi per lavoro. La sua fama derivava dall’essere il nipote del magnate Alfred Vanderbild e per il fatto di pubblicare un mensile di moda dal nome appunto di Boulevardier.

boulevard

Amante della mondanità e della bella vita, Erskine non aveva problemi a trovare argomenti da inserire nel magazine.Nel libro di Mc Elhone vi sono alcune pagine dedicate al giornale, fra cui un interessante acrostico dove ogni lettera della parola Boulevardier diventa l'iniziale di distillato, di un cocktail o una soda: Bacardi, Orangeade, Uranite, Lemondade, Evian, Vodka, Absinthe, Rhum. Dubonnet, Ink, Egg Nogg, Rye... Ovviamente non sono gli ingredienti del cocktail, che ne conta solo 3.Il nome, da boulevard, strada in francese ha un significato di mordace ed acuto e fu coniato durante la Belle Epoque per definire una persona “di strada” nel senso positivo del termine.In buona sostanza, in maniera abbastanza campanilistica e futurista, si considera, dal punto di vista operativo del barman , il Boulevardier una "americanizzazione" del nostro Negroni, dove si sostituisce al classico gin, compagno di viaggio del vermouth, il bourbon.Ma questo è ovviamente inesatto poichè a quei tempi il Negroni era lungi dall'essere codificato e nessuno avrebbe potuto farne un twist. Inoltre il servizio è in coppetta, e non nel tumbler con ghiaccio, anche se su altri siti questo servizio errato compare. Per via del recupero della miscelazione classica sta tornando di gran moda fra barman ed avventori.

Ricetta: 4cl Bourbon whiskey - 3cl Bitter Campari - 3cl Vermouth RossoSalute!!#saperbere

Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultimi Appunti e Curiosità...

December 2021
Quanti chilometri fa un barista al giorno? Alcuni consigli su come predisporre le attrezzature al Bar.

Oltre che un capace gestore, un buon comunicatore e un esperto gourmet, il bravo barista è anche... Un atleta provetto! Tra la macchina del caffè, il frigorifero e il bancone ogni giorno infatti macina letteralmente chilometri. Per questo, disporre intelligentemente le attrezzature è fondamentale per l’efficienza del bar, ma è anche importante per risparmiare un po’ di energia.

December 2021
La Latte Art e tutte le tecniche per decorare il cappuccino

Un cappuccino dall’accurata decorazione, strappando un sorriso, permette ad un bar di farsi ricordare: si chiama “Latte Art” questa nuova forma di arte, dalla realizzazione non difficile, ma che richiede vere e proprie regole e una tecnica speciale.

December 2021
Bar in Italia: i dati Fipe “fotografano” la situazione del nostro Paese.

In Italia amiamo frequentare bar, caffetterie e pasticcerie, come dimostrano i dati Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi); vediamo cosa emerge dal Rapporto Ristorazione, per scoprire meglio le abitudini di consumo nel nostro Paese.

Categorie
Non solo cocktail
Chiacchiere da Bar
Trova lavoro