/ Appunti e curiosità

I Diversi tipi di Bar in Italia e la sua clientela.

I Diversi tipi di Bar in Italia e la sua clientela.

Quali sono le diverse tipologie di bar e come consumano i clienti?

L’Italia è il paese dei bar! Ne esistono tantissime tipologie e infinite sfumature. C’è il bar che apre la mattina per le colazioni e chiude prima di cena, quello che apre il pomeriggio e chiude tardi la notte, il tea room, la pasticceria, la caffetteria pura, l’american bar….

Generalmente le differenze tra un bar e l’altro sono determinate dalla tipologia di clientela e dal tipo di servizio o prodotto offerto.

  1. Bar tradizionale: aperto dalla mattina alla sera e adatto a qualsiasi tipo di clientela, dà la possibilità di bere caffè, bibite, birra, vino, liquori e distillati, In alcuni casi vende anche tabacchi e offre servizio di ricevitoria.
  2. Pasticceria, caffetteria, caffè: E’ il classico punto di ristoro dove la clientela trova un servizio basato principalmente su caffetteria e pasticceria dolce e salata.
  3. Tea room: solitamente caratterizzato da un’atmosfera di relax. Ha un assortimento di tè e infusi ed è spesso collegato alla tipologia di bar pasticceria.
  4. Milk bar: bar specializzato in bevande a base di latte quali milk-shake, frappè, yogurt, frullati, ecc.
  5. Wine bar: il tipo di bar che offre una più vasta scelta di vini in abbinamento a stuzzichini e aperitivi.
  6. Pub/ Birreria: locale tipicamente british, dove a farla da padrone sono la birra e i distillati, oltre agli hamburger, alle patatine e ai panini.
  7. Snack bar: bevande e ampio assortimento di tramezzini, panini, toast, primi e secondi piatti già pronti, dolci.
  8. American bar: locale specializzato nei miscelati e nei cocktail oltre che nei distillati, solitamente apre dalle h.17:00 in poi.
  9. Piano bar: una variante dell’american bar ma con musica dal vivo e piccoli spettacoli. Lavora prettamente di sera.

ALCUNI DATI SUI BAR IN ITALIA

  1.   Sono 149.154 i bar oggi in attività in Italia secondo i dati della Federazione Italiana Pubblici Esercizi, con un volume di affari di 18 miliardi di euro.
  2.   La Lombardia è la regione italiana con il maggior numero di bar (16,9%), seguita da Lazio (10,4%), Campania (9,6%), Veneto (8,4%) e Piemonte (7,2%).
  3.   Nei bar gli italiani consumano soprattutto bevande calde (36,6), aperitivi(13,3) e brioches (12,6).

IL BAR SIMBOLO DEL LIFESTYLE ITALIANO

Il bar fa parte dello stile di vita degli italiani.

Impossibile prescindere dal bar come luogo di ritrovo o come semplice luogo di passaggio dove bere velocemente un caffè. Come dai dati dell’infografica, può tranquillamente essere annoverato tra i modelli d’impresa cardine del sistema economico italiano.

È il punto di riferimento per chi vive costantemente fuori casa, luogo ideale dove poter fare una colazione o un aperitivo.

Se 5,4 milioni di italiani fanno colazione al bar, ben 1,3 milioni ci pranzano consumando panini, pizze, focacce, tramezzini e piatti più o meno veloci.

Oggi, quindi, offrire un prodotto veloce e di qualità, che faccia risparmiare tempo in cucina e nel servizio, è ciò a cui ogni gestore di bar dovrebbe mirare.

Dai dati FIPE emerge proprio questo!

Gli italiani consumano sempre più al bar, non soddisfare questa domanda significherebbe andare incontro a chiusura certa.

Quali sono i numeri dei consumi?

Abitudini di consumo, atti di acquisto e prezzi medi

Perché gli italiani vanno al bar?

Secondo l’Ufficio Studi Fipe soprattutto per fare colazione: 5,4 milioni di persone consumano qui tutti i giorni il primo pasto della giornata, con una spesa media di 2,40 euro. A pranzo invece si parla di 1,3 milioni di persone, con una spesa media di 7,50 euro.

Venendo invece agli atti di acquisto, i prodotti maggiormente consumati al bar sono bevande calde (36,6), bevande alcoliche e aperitivi (13,3), brioches (12,6), prodotti cosiddetti “d’impulso” come snack e gelati (10,8), bevande analcoliche (10,4), acqua minerale (8,8) e infine panini o piatti (7,5).

Per quanto riguarda invece i prezzi, lungo lo Stivale un caffè al bar costa in media 1,00 euro, un cappuccino 1,30 euro, mentre per un panino si pagano 3,10 euro.

Fonte FIPE

Logo federazione italiana barman

Iscriviti alla nostra Newsletter.

+ Per rimanere sempre in contatto con noi.
+ Per restare informato sulle ultime novità dal mondo del bar.
+ Per partecipare alle nostre attività di formazione professionale.
+ Per ricevere le offerte di lavoro dal mondo dell’ospitalità.

Iscriviti ora

Ultimi Appunti e Curiosità...

October 2022
Pillole di gestione, i guadagni di un bar: la marginalità dei prezzi.

Pillole di gestione, i guadagni di un bar: la marginalità dei prezzi.

May 2022
L'origine delle parola Bar

L'origine delle parola Bar, tra storia e curiosità.

March 2022
Espresso Martini, alcune varianti da provare al bar!

I Vostri ospiti resteranno soddisfatti!

Categorie
Non solo cocktail
Chiacchiere da Bar
Trova lavoro