L’espresso Martini: curiosità e ricetta.

Il cocktail IBA fu inventato a Londra negli anni ’80. La potenza del caffè è anche in versione alcolica

L’Espresso Martini come nasce?

La storia ci riporta ad una vecchia cliente inglese di stampo anni ’80, potremmo comunque optare per qualcosa che “ci faccia svegliare un po’ e che ci dia un bel po’ alla testa”. furono proprio queste le parole della donna che nel 1983 al bancone del Freds Club di Londra chiese a Dick Bradsell una miscela “a doppio taglio”, servita in coppa così da non destare sospetti: l’Espresso Martini.

 

Il cocktail IBA nacque dunque un po’ per caso e un po’ per esigenza. Meglio gustarlo per l’after dinner, specialmente se avete ancora del lavoro da fare e quindi non potete rischiare di addormentarvi.

 

Il caffè espresso non gioca mica con un distillato qualunque: la vodka è la prescelta di questo drink che resta ben radicato nella storia della mixology, spiccando senza dubbio tra le celebrità.

 

La ricetta dell’Espresso Martini!

Ingredienti

50 ml di Vodka

30 ml di Liquore al caffè

10 ml di sciroppo di zucchero

1 tazzina di caffè espresso

Procedimento

Mettere a raffreddare la coppetta all’interno della quale verrà servito il drink. Versare del ghiaccio nello shaker e, uno dopo l’altro, tutti gli ingredienti che vi sono indispensabili: vodka, liquore al caffè, sciroppo di zucchero e una tazzina di espresso. Sigillare lo shaker e agitare con vigore. Filtrare la miscela spumosa nella coppetta ormai ben fredda.

Buon Espresso Martini a Tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.