Il Manifesto dell’ospitalità: i valori per la ripresa della ristorazione.

SONO CINQUE I VALORI CARDINE INDIVIDUATI DA FIPE, FIC E UNIVERSITÀ SAN RAFFAELE DI ROMA NELLO STILARE UN MANIFESTO DEDICATO A TUTTI I PROFESSIONISTI IMPIEGATI NEL COMPARTO ENOGASTRONOMICO, CON ATTENZIONE SPECIFICA AL SETTORE DELLA RISTORAZIONE.
 
 

La genesi del Manifesto dell’ospitalità e della tavola

Manifesto orizzontale, hanno scelto di chiamarlo, in riferimento alla genesi e alla sostanza di un testo condiviso da più attori, insieme per indicare la strada di una ripresa possibile (e necessaria). Un manifesto programmatico  è più che altro un invito a concentrarsi sui valori che contano, per chi ha scelto di dedicare la propria vita all’ospitalità. Il Manifesto orizzontale dell’ospitalità e della tavola, dunque, è il risultato di una riflessione condivisa da Fipe, Fic e Università San Raffaele di Roma, che fa seguito alla giornata di incontro organizzata lo scorso 9 aprile dalla Federazione Italiana Cuochi, con il coinvolgimento di chef, ristoratori, esponenti delle istituzioni, dirigenti aziendali, rappresentanti di categoria e giornalisti di settore. 

Cinque sono i valori cardine su cui si sviluppa la speranza di rinascita del comparto enogastronomico italiano, chiamato a non abdicare al proprio ruolo, pur dovendo ripensare quelle che sono le peculiarità intrinseche dell’esperienza gastronomica in modo inedito. Quindi, cosa resterà di concetti come convivialità, sensorialità, condivisione, benessere e territorio nel mondo del dopo Coronavirus?

Il Manifesto Orizzontale dell’ospitalità e della tavola

Il Manifesto gli riserva l’importanza che meritano:

Convivialità: il valore della socialità e convivialità è purtroppo la prima vittima illustre del Coronavirus e il suo recupero nella ristorazione, come in ogni settore dell’accoglienza, sarà una vera priorità nell’immediato futuro. Il primo passo dovrà essere quello di investire nella formazione delle competenze di chi opererà in sala per accogliere il cliente e farlo sentire al sicuro.

 

Benessere: nella fase di convivenza con il virus la somministrazione nei locali dovrà presumibilmente essere divisa su più turni per evitare affollamento e sarà importante tarare menù per perseguire, insieme al piacere della tavola, la salubrità del cibo e il benessere del cliente. Pertanto sarà indispensabile adottare un Decalogo comune con specifiche linee guida relative alla sicurezza, da fornire alle strutture ristorative prima della loro riapertura.


Sensorialità: nella ristorazione di domani i sensi e il valore educativo del gusto per riconoscere il buon cibo avranno sempre di più valore. L’esperienza sensoriale del cibo resta infatti l’elemento attrattivo insostituibile per i clienti e probabilmente la cucina professionale di domani, alla ripartenza, cercherà di emozionare e sorprendere anche con il semplificarsi delle ricette e la rivisitazione delle tradizioni.


Territorio: un valore che sarà sempre più importante nel futuro della ristorazione perché collega le due filiere del comparto agroalimentare e del turismo, sia attraverso l’offerta dei prodotti locali e l’attivazione di filiere corte, sia attraverso la riproposta di tradizioni italiane e identità territoriali. Quindi, fondamentale sarà la promozione e la protezione del 100% Made in Italy.


Condivisione: come necessità di pianificare e riprogrammare insieme le attività, prevedendo per la ristorazione un’offerta più ampia di servizi. Svolta che sarà possibile attraverso il delivery e le ordinazioni da asporto, fino a oggi prerogativa di altre strutture.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.